0
  • No products in the cart.

  • alt

    Black Bella

    Share via:

    admin

    Grande e croccante, ma non solo. La nostra è anche una Black Bella!

    L’olivo è uno degli alberi più antichi ed importanti per la storia dell’umanità, soprattutto per le popolazioni mediterranee. Non a caso secondo gli storici le prime piante di ulivo coltivate risalgono a oltre 5mila anni fa. Senza dimenticare il legame indissolubile tra l’ulivo e la religione, nonché cultura e, ovviamente, la TAVOLA. Dal frutto dell’olivo si ricava, inoltre, non solo un eccellente olio (protagonista indiscusso della dieta mediterranea), ma anche prodotti di immediato consumo, ovvero le OLIVE.

    OLIVE DA TAVOLA

    Esistono due tipologie di olive da tavola, quelle verdi (di immediato richiamo) e quelle nere. Ciò che le differenzia, non è solamente il colore ma una diversa lavorazione che le olive subiscono nel momento della raccolta. Tutto dipende dalla maturazione del frutto, quelle più mature infatti subiscono una variazione nel pigmento della clorofilla che ne determina il colore. Il viraggio del colore verso tonalità più scure, inoltre, più variare dal rosso porpora al nero, a seconda della cultivar di riferimento.

    BELLA DI CERIGNOLA BLACK EDITION

    Le olive nere, dunque, subiscono un processo di trasformazione durante il quale vengono immerse in acqua e sale per almeno 30 giorni; successivamente vengono addolcite e lavate e quindi ossidate mediante immissione di aria compressa nell’acqua. A questo punto, le olive risultano annerite per ossidazione. Non resta che “fissare” il colore mediante una soluzione di gluconato di ferro.

    A questo punto non resta che confezionare le olive all’interno di contenitori in vetro. I vasetti subiscono un trattamento termico di sterilizzazione, per garantire al consumatore un prodotto sicuro e genuino con specifiche caratteristiche organolettiche, olfattive e visive.

    NON CI RESTA CHE GUSTARE

    Non c’è nient’altro da fare: a questo punto non ci resta che assaporare le nostre olive BLACK BELLA … di Cerignola, ovviamente!